in riviera chi si ferma è premiato: paghi 2, prendi 3

Da anni il turismo ligure è in netta difficoltà e fa registrare di anno in anno un minor numero di presenze turistiche (presenze turistiche= n° turisti arrivati * n° giorni in cui sono rimasti nella località), caratterizzato dal progressivo abbandono della località ligure da parte dei turisti italiani;anche quest’anno, come ho già segnalato in uno dei miei post c’è stata una riduzione delle presenze turistiche italiane dell’ 1,07%.

Se negli anni scorsi questo trend negativo non è stato accompagnato da iniziative valide volte a invertire questa tendenza, fortunatamente negli ultimi tempi le cose sembrano cambiate. Ed è così che proprio pochi giorni fa Carlo Scrivano, assessore provinciale al turismo, e Massimo Parodi, rappresentante degli albergatori all’interno della Camera di commercio di Savona, hanno unito le forze per dare vita ad un’iniziativa di “marketing territoriale“.

Dice Carlo Scrivano a La Stampa:”si tratta, in pratica, di spingere, attraverso una imponente campagna di stampa in Piemonte, Val d’Aosta e Lombardia, il nostro sistema turismo in maniera organica e, soprattutto, coinvolgendo le categorie e gli enti che devono far muovere l’economia savonese.”

prosegue Massimo parodi:”Non pubblicizziamo semplicemente la Riviera, ma offriamo un pacchetto organico. In pratica molti alberghi hanno aderito alla proposta di una sorta di happy hour, dall’ 8 maggio al 9 giugno chi prenota due notti una terza la offriamo noi”

Per scoprire l’elenco di tutte le strutture ricettive aderenti alla promozione in riviera, chi si ferma è premiato basta andare sul sito della provincia di savona www.inforiviera.it . La maggior parte degli alberghi, agriturismi e altre strutture extra-alberghiere hanno aderito all’iniziativa, a dimostrazione del fatto che il turista è al centro dell’attenzione ed in tempi critici per l’economia italiana, gli albergatori hanno deciso di ridurre il loro guadagno per permettere ai turisti di godersi una giornata di vacanza in più. 

email

Comments (0)

Leave a reply