4 errori da non fare nella gestione di una Pagina Facebook

Errori gestione pagina facebookFacebook, se utilizzato secondo le logiche del social media marketing e con obiettivi specifici, può diventare “un ottimo alleato” per far crescere il nostro business. Vista l’importanza che potrebbe ricoprire il marketing con Facebook, è fondamentale comprendere al meglio le dinamiche della comunicazione sui social media e al tempo stesso scoprire fin da subito gli errori da evitare per partire con il piede giusto; questi errori sono stati commessi dalle aziende che per prime hanno esplorato l’utilizzo di Facebook come strumento di business, ma grazie all’esperienza maturata ad oggi, ti darò dei consigli preziosi per evitarli.

Se al posto della Pagina hai creato un profilo (ed hai fatto l’errore “0”), leggi l’articolo “Come creare la Pagina Facebook” (altrimenti rischi di vederti bloccato il tuo profilo in quanto non rispetta il regolamento del social network).

Andiamo al sodo… :)

Ecco la lista dei 4 errori da non fare:

Utilizzare Facebook come vetrina pubblicitaria per “vendere i propri prodotti”

Un utente non diventa fan di una Pagina per sentirsi ripetere di giorno in giorno che deve acquistare un prodotto o un servizio. Le persone che si “iscrivono” ad una Like Page lo fanno perché per qualche motivo apprezzano il “brand” e da questo si aspettano che li coinvolga, attraverso l’inserimento continuo di nuovi contenuti volti a stimolare la loro attenzione.

Navigare tra le pagine compiendo azioni di “Spam”

Da quando è possibile utilizzare Facebook come Pagina, un numero sempre maggiore di amministratori scrive in continuazione messaggi sulle bacheche di Pagine che nulla hanno a che fare con il tema di cui parla la propria.

Questa azione porta a due conseguenze: da un lato le persone percepiscono il messaggio come spam e quindi decidono di non diventare fan del nostro prodotto/servizio, mentre dall’altro, all’aumentare delle segnalazioni di spam a Facebook, la Pagina potrebbe essere eliminata per violazione delle linee guida (a volte viene anche disabilitato l’account dell’amministratore che ha compiuto l’azione).

Lasciare la pagina abbandonata per giorni e giorni

Nel momento in cui si apre una Pagina Facebook, lo si fa per instaurare un dialogo con gli utenti (se vogliamo dare un’informazione e poi non abbiamo la possibilità di aggiornare gli utenti con nuovi contenuti, la creazione del sito internet è più che sufficiente); detto questo appare logico che, nel momento in cui apriamo una pagina, sia fondamentlae di volta in volta aggiornarla con nuovi contenuti di qualità.

Non rispondere ai commenti

Un cliente che scrive un commento, positivo o negativo che sia, sta utilizzando il suo tempo per dedicare una parte della propria giornata alla nostra azienda ed è quindi fondamentale rispondere per instaurare un dialogo costruttivo con esso. Sicuramente gli apprezzamenti saranno sempre graditi, ma vi invito ad accogliere i commenti negativi come un’opportunità in più che ha l’azienda per migliorare il proprio servizio o “recuperare” un cliente ormai insoddisfatto. Pensate ad esempio ad un affezionato cliente che nota un difetto di fabbricazione e lo segnala su facebook; grazie a questa azione avete la possibilità di risolvere la criticità e far sapere a tutti la vostra predisposizione al miglioramento dell’offerta.

Cosa succederebbe senza una pagina Facebook aziendale?

Lo stesso cliente scriverà ugualmente la sua critica nel web, probabilmente sul proprio profilo, nei blog, forum e portali di settore. Non abbiamo evitato una critica e in aggiunta non abbiamo le stesse possibilità di rispondere e risolvere il problema di cui invece possiamo usufruire attraverso una presenza nei social network.

Riepilogando

Quando andiamo su Facebook dobbiamo ricordarci che non siamo su Ebay, che è bene non fare spam, che la giusta cura della Pagina è fondamentale per la riuscita delle nostre strategie e… ultimo, ma non ultimo, che ogni commento è prezioso e merita la nostra attenzione. 

Facebook è un ottimo strumento di marketing e un valido alleato per la nostra azienda, ma dobbiamo ricordarci di seguire fin dall’inizio le logiche che guidano i social network se vogliamo avere successo :)

email

Comments (6)

  1. Salve ho una domanda: se sono una terza persona e devo creare una fanpage aziendale x un cliente che ne ha già una ma ha intrapreso anche un’altra attività, come posso fare?
    mi conviene farmi dare da lui le password della sua fan page (la prima ) e creare da lì dentro una seconda? oppure mi conviene farlo dal suo profilo personale anche qui facendomi dare le password? Grazie mille

  2. Buongiorno Cristina, noto dal tuo commento che è necessario spiegarti alcuni dettagli tecnici dello strumento facebook. Il mio consiglio in ogni caso è quello di creare la Pagina attraverso il profilo di uno dei responsabili dell’azienda, chiedendo poi loro di assegnarti il ruolo di gestore o creatore di contenuti. Non è necessario alcun passaggio di password per compiere questa operazione.

  3. salve, dal mio profilo ho creato tempo a una pagina aziendale
    ma avendo commesso vari errori con la carta di credito non riesco più ad impostare una campagna pubblicitaria.
    E’ opportuno creare un a nuova pagina aziendale autonoma ??

  4. Buongiorno Giovanni, l’account pubblicitario è normalmente staccato dalla gestione di pagine aziendali (anche se chiaramente per promuovere una Pagina è necessario avere un ruolo di amministrazione a livello inserzionista o editor). Se vuoi fare una campagna pubblicitaria puoi scrivermi tramite direttamente dalla Pagina http://www.pruitiandrea.it/contattami/ e valutiamo insieme come risolvere il problema.
    Buona giornata.
    Andrea

  5. Buongiorno.
    Sulla prropria pagina FB aziendale è possibile eliminare commenti negativi ( ad esempio fatti da concorrenti tramite profili fake ) ?
    Grazie per la risposta

  6. Buongiorno Paolo, è possibile eliminare commenti negativi, ma non le recensioni. Puoi segnalare a Facebook eventuali profili finti e bloccarli dalla Pagina.

Pingbacks list

Leave a reply

Scrivi ora il tuo commento