Il vero motivo per cui facebook regala like alle pagine

Sono certo che come me, molti gestori di Pagine facebook si saranno accorti o avranno sentito parlare del progressivo calo di visibilità che hanno subito i post (non entro nel merito del dibattito su questo argomento che affronterò in uno dei prossimi articoli).

Facebook regala mi piace pagine

Mi piace pagine FacebookCosì come di anno in anno si riduce la visibilità organica dei nostri aggiornamenti, allo stesso tempo facebook ogni giorno “consiglia” le Pagine. Avete presente la barra laterale destra al cui interno vengono quasi sempre mostrate le inserzioni a pagamento? Sempre più spesso, come si può notare dallo screenshot, al posto degli annunci pubblicitari sono presenti una serie di pagine suggerite gratuitamente.

La domanda sorge spontanea… Per quale motivo se il portale riduce la visibilità dei post, dall’altro lato “regala” i Mi piace alle pagine?

La risposta è semplice. Grazie a questo il social network di Palo Alto può incrementare i propri guadagni.

Si, avete capito bene.

Regalare i Mi piace è la migliore strategia che ha Facebook per aumentare i propri introiti pubblicitari.

Probabilmente questa affermazione potrebbe apparire un controsenso in un primo momento, ma andiamo ora a vedere per quali ragioni non lo è.

Il primo motivo è psicologico e serve ad invogliare i gestori a investire più risorse sul portale; come da un lato il titolare di un’impresa è spinto a concentrare maggiori risorse (economiche e di tempo) sui prodotti che vendono di più, così se lo stesso proprietario vede crescere progressivamente il numero dei like sarà incentivato ad investire più risorse nel marketing su facebook.

Questa motivazione potrebbe essere soggettiva e in parte contestabile, per cui penso sia opportuno analizzare una ragione più tecnica e oggettivamente vera. Il discorso che seguirà sarà più complesso e mi auguro di essere chiaro con tutti voi che state leggendo. Se non volete leggere tutto il ragionamento, potete andare direttamente al riassunto in fondo alla pagina.

Prima di cominciare è fondamentale sapere che ogni utente ha in media 150/200 connessioni se vengono sommati il numero di amici aggiunti nel tempo e di like alle pagine aziendali (il valore attuale potrebbe essere aumentato, in quanto il dato non è recente).

Possiamo vedere “tutti” gli aggiornamenti effettuati da ogni nostro amico o Like Page attraverso il newsfeed, ovvero il flusso di notizie visibile nella homepage di ogni utente.

La domanda che vi faccio ora è molto semplice: quanti aggiornamenti possiamo visualizzare contemporaneamente dal nostro desktop?

Se non avete tempo di verificare voi stessi, vi posso assicurare che ogni iscritto vede un massimo di 3/5 post nella schermata e circa 20 aggiornamenti sono presenti prima di dover generare un nuovo spezzone di newsfeed.

E’ chiaro quindi che all’aumentare del numero di connessioni, a parità di tempo trascorso sul social network sarà sempre minore la visibilità che ognuna di queste avrà sul singolo utente. Se alle persone fisiche questo aspetto può interessare in maniera più marginale, per le aziende costituisce un tassello fondamentale.

Infatti con il passare del tempo gli utenti avranno mediamente più connessioni (che oltre alla loro evoluzione naturale vengono fortemente “suggerite” dal portale) e di conseguenza per rispondere al progressivo calo di visibilità ogni azienda dovrà necessariamente dedicare un budget crescente per comunicare con i propri (?) fans.

Riassumendo

Spazio limitato nel newsfeed

Ogni utente ha a disposizione uno spazio limitato per visualizzare le notizie, che lo porta a leggere solo una minima parte di tutti i post pubblicati dalle Pagine facebook a cui è connesso.

Riduzione della visibilità

In base a quanto appena detto, all’aumentare delle connessioni, la percentuale di contenuti visualizzati da ogni utente sarà sempre più ridotta in relazione al numero di connessioni (costantemente in aumento) che egli ha.

Facebook incentiva le connessioni

Facebook, regalando i Mi piace alle pagine (e suggerendo nuovi amici) incrementa progressivamente il numero di connessioni di ogni singolo utente presente nella piattaforma al fine (commerciale) di ridurre la portata dei post non a pagamento.

Come si evolve la comunicazione nel social network

Le aziende avranno con il passare del tempo sempre meno visibilità organica (gratuita) e negli anni sarà possibile arrivare a comunicare efficacemente con i nostri fans in due modi:

a) Pagando per la visibilità di ogni singolo post.

b) Incrementando la qualità dei contenuti, per fare in modo che siano gli stessi utenti a interagire con quanto da noi proposto e promuovere così in modo spontaneo la nostra azienda. L’algoritmo che determina la visibilità di ogni notizia è direttamente influenzato dal numero di interazioni che il post riceve, per cui pubblicare contenuti che vengono apprezzati dagli utenti appare una valida strategia di marketing per comunicare sul social network.

Ti è piaciuto l’articolo? Se vuoi puoi condividerlo con i tuoi amici sui social network :)

email

Comments (0)

Leave a reply