Fare promozione direttamente dalla Pagina Facebook. Conviene?

Dopo aver creato una Pagina facebook aziendale possiamo notare come sulla stessa ci viene consigliato ogni giorno di promuovere i nostri contenuti per aumentarne la visibilità.

Se l’utente ha sufficienti permessi di gestione (quindi sto parlando di tutti i livelli utente tranne l'”Analista dei dati di insights”), vedrà comparire ben 5 diverse aree che suggeriscono di fare advertising.

Promuovi pagina facebook

Inoltre, al di sotto di ogni singolo post, abbiamo la possibilità di aumentarne la visibilità in 1 solo click.

Post facebook in evidenza

E’ chiaro che così facendo siamo in grado in pochissimi minuti di parlare ad un pubblico più ampio e far così conoscere il nostro brand ad un maggior numero di persone (con il principale obiettivo di fare una campagna di brand awareness finalizzata all’aumento dei Mi piace).

Ma siamo sicuri che in questo modo otteniamo i migliori risultati?

Cerchiamo insieme di analizzare pro e contro.

I vantaggi (apparenti)

Rapidità

La prima cosa che si può notare e la velocità con cui crea un’inserzione. In pratica non serve fare nulla.

Inserzione flash

Come evidenziato nello screenshot, il sistema fornisce un’anteprima dell’inserzione (realizzata in automatico), imposta gli utenti che potrebbero essere interessati alla mia azienda, offre la possibilità di scegliere a chi indirizzare la promozione (genere ed età) e suggerisce un budget, indicando fin da subito i risultati stimati.

E’ chiaro che sono sufficienti 5 o 10 minuti per realizzare questo annuncio all’apparenza bello graficamente e rivolto a persone teoricamente interessate al mio prodotto.

Semplicità

Oltre che essere veloce, la promozione diretta dalla pagina del brand è veramente semplicissima. Pensate che per attivare la promozione di un post è sufficiente passare il mouse sopra il link visto di sopra (seconda immagine dell’articolo) e poi cliccare su “metti in evidenza il post”.

Et voilà, meno di un minuto e la nostra inserzione è pronta per raggiungere tutti gli utenti di facebook.

Gli svantaggi (reali)

Ho l’abitudine di non fermarmi mai alle apparenze e anche in questo caso vorrei approfondire con voi nel dettaglio alcuni particolari che potrebbero farvi notare come non sia tutto oro quanto ci sta proponendo il social network di Palo Alto.

N.B. Prima di continuare vi ricordo che il ragionamento non è riferito al sistema di advertising di facebook, che reputo valido e un ottimo alleato per il business, ma in particolare alla creazione di “inserzioni flash” direttamente dai link presenti sulla pagina da noi gestita.

Torniamo ora all’articolo e vediamo dettagliatamente i principali punti di debolezza degli “annunci flash”:

Personalizzazione dell’annuncio inesistente

Permettereste di far realizzare una locandina senza poter scegliere le immagini e i testi?

Penso che la risposta sia no. E’ chiaro che ci affidiamo ad un professionista che realizzerà il lavoro, ma al tempo stesso proveremo diverse combinazioni di immagini e testi per trovare poi la soluzione più efficace.

Un ragionamento analogo può essere pensato per la pubblicità su Facebook.

Utilizzando il sistema di advertising “completo” avete la possibilità di personalizzare l’annuncio in ogni suo aspetto, sia questo titolo, immagine o descrizione (se non sapete come fare può esservi utile questo articolo in qui ho spiegato come pubblicizzare un sito su facebook). Inoltre attraverso l’utilizzo di test mirati è possibile mantenere attivi unicamente gli annunci che stanno portando i migliori risultati ottimizzando nel tempo i ritorni delle nostre campagne di advertising.

Controllo dei costi approssimativo

L’advertising tradizionale ci ha abituato a dei costi forfettari, basati su dati stimati e difficilmente monitorabili (se non con complesse e costose analisi spesso non alla portata delle piccole imprese). Se avete letto il mio post riguardo i costi della pubblicità su facebook  sapete invece che su internet abbiamo la possibilità di gestire il budget in modo estremamente dettagliato, decidendo e modificando ogni giorno l’investimento e pagando ad esempio solo per le persone che realmente hanno cliccato sul mio annuncio e quindi si sono trasformati in reali potenziali clienti.

Minima profilazione dell’annuncio

Attraverso gli annunci flash della pagina possiamo targetizzare la nostra inserzione di facebook (il link porta ad un mio articolo in cui è presente una guida completa a riguardo) in base a età, paese, interessi e genere. Certo è un buon inizio in relazione all’advertising offline, ma il sistema pubblicitario di facebook è molto più avanzato e ci consente di profilare l’utente in base ad esempio alla situazione sentimentale, alla lingua parlata, al livello di istruzione e tanti altri parametri come ad esempio il possesso di un iPhone o essere genitori di un figlio di 5 anni (e credetemi vi ho detto solo una minima parte delle possibilità di targetizzazione per evitare che qualcuno si addormenti causa il prolungarsi dell’elenco 😉 ).

Conclusioni

Ad un primo impatto, realizzare un annuncio in modo rapido e veloce potrebbe sembrare la via migliore per fare advertising su Facebook, ma in realtà analizzando più dettagliatamente la questione ci rendiamo conto che questa strada conviene di più all’azienda di Palo Alto che incrementa i ricavi, rispetto all’azienda che invece non può accedere al reale potenziale della piattaforma.

Dedicate quindi il tempo necessario alla realizzazione, al controllo e alle continue modifiche necessarie alla vostra campagna promozionale…e Se non avete tempo e/o competenze e giustamente pensate che il vostro lavoro sia fare l’imprenditore potete sempre affidarvi a professionisti che sanno fare questo lavoro (qui lo ammetto… ho un conflitto di interesse 😉 ).

email

Comments (0)

Leave a reply