I costi della pubblicità su Google AdWords

Uno dei principali aspetti che le aziende analizzano nel momento in cui si decide di investire in una campagna pubblicitaria a pagamento su Google è il costo. Per questo motivo vediamo insieme quali sono gli investimenti richiesti per realizzare una campagna di marketing su Adwords, individuando al tempo stesso i vantaggi che questo strumento può portare all’azienda (rispetto ad altri canali di comunicazione tradizionali).

pubblicita-google-costi

L’articolo, per una lettura più scorrevole, è suddiviso in tre fasi:

  • I 4 vantaggi della pubblicità con Adwords;
  • Dettagli pratici sulla realizzazione delle campagne;
  • Come funziona il sistema di pagamento.

I 4 vantaggi della pubblicità con Adwords

Vediamo insieme quali sono i principali punti di forza di una campagna pubblicitaria su Google:

  1. Filo diretto con i nostri potenziali clienti, le persone usano Google (e anche gli altri motori di ricerca) per cercare una risposta ad un bisogno specifico. Facciamo un esempio: pensate ad una persona che vuole fare una vacanza a Roma, probabilmente per organizzarsi cercherà su Google “Hotel Roma”, a quel punto otterrà dei risultati e sceglierà (chiaramente questa è una semplificazione del processo di acquisto, che può durare settimane/mesi e coinvolgere anche 30 diversi passaggi). Se la nostra azienda risponde ad un bisogno, in questo caso di vitto e alloggio, AdWords ci dà la possibilità di entrare in contatto proprio con potenziali clienti che vedono nel nostro prodotto/servizio la risposta alle loro esigenze. La pubblicità con AdWords ci permette di entrare in contatto direttamente con persone che stanno cercando proprio quello che noi offriamo e non con una massa indistinta di utenti.
  2. Massima flessibilità, infatti abbiamo un grande controllo sulla campagna, decidiamo noi il budget, la durata e possiamo fare ogni tipo di modifica (testo, immagine, target…) anche in corso di esecuzione della campagna. Dunque, analogamente alla pubblicità su facebook, non esiste un costo fisso, non esiste una durata minima della pubblicità e, se necessario, possiamo modificarla/migliorarla quando vogliamo.
  3. Controllo puntuale dei dati, in quanto con AdWords abbiamo la possibilità di monitorare tutti i dati in tempo reale e questo ci permette di raccogliere informazioni per tarare la nostra campagna ogni giorno e raggiungere meglio i nostri obiettivi. Possiamo basare i nostri investimenti su fatti misurabili.
  4. Adattabile per ogni tipo di impresa, dall’azienda che opera in un territorio specifico e decide di fare promozione unicamente a coloro che manifestano interesse per una specifica area, fino alla multinazionale che ha budget elevati fino a raggiungere scala mondiale.

Dettagli pratici sulla realizzazione delle campagne

Impostazioni campagna Adwords

Come si vede nello screenshot quando partiamo con la creazione di una campagna ci vengono richieste alcune informazioni:

  1. Il nome della Campagna, inseriamo il nome che vogliamo dare. Poiché la scelta di questo campo non influenza in alcun modo i risultati della campagna, noi vi consigliamo di scegliere un nome che vi sia utile per capire al meglio cosa stiamo promuovendo. Ad es. se nella vostra attività vendete diversi tipi di prodotto, come un produttore/distributore di arredi, potreste inserire il prodotto specifico che volete pubblicizzare, ovvero “armadi in legno” oppure “tavoli da cucina”. Questo ci permetterà di predisporre strategie diverse per diversi tipi di prodotti e questo è possibile creando campagne separate.
  2. Tipo di Campagna, come indicato nello screenshot abbiamo diverse possibilità. Consigliamo di partire sempre con “Solo rete di ricerca” che è più semplice da tenere sotto controllo per chi ha appena iniziato ad utilizzare AdWords (approfondiremo a breve le varie tipologie di campagne in un articolo separato).
  3. Strategia di offerta, abbiamo diverse possibilità: CPC, CPM e CPA (se volete approfondire le diverse tipologie di offerta, potete leggere l’articolo Pubblicità: cpc e cpm).
    • CPC ovvero costo per click, pagheremo solo quando il nostro annuncio verrà effettivamente attivato da un utente. Se scegliamo questa strategia la nostra offerta sarà rappresentata dal costo massimo che siamo disposti a spendere per ogni click (N.B. spesso il reale costo sarà inferiore all’offerta massima, analizzeremo questo nel paragrafo di seguito su come ottimizzare il rendimento).
    • CPM ovvero costo per mille impressioni, pagheremo ogni volta che il nostro annuncio viene visualizzato mille volte. L’offerta corrisponderà al costo per mille impressioni.
    • CPA ovvero costo per azione, l’azienda sostiene un costo unicamente se le persone effettueranno un’azione specifica sul nostro sito, ad esempio l’iscrizione alla newsletter, la richiesta di preventivo o l’acquisto di un prodotto (se si tratta di un e-commerce) . L’offerta sarà relativa al costo che siamo disposti a sostenere per tali conversioni.
  4. Budget, qui inseriamo la spesa massima giornaliera. Anche in questo caso non vuol dire che di sicuro spenderemo la cifra inserita, è possibile spendere meno, ma non di più. Se durante il giorno la nostra campagna raggiungerà il tetto di budget il sistema interromperà la pubblicazione fino alle 23.59, dopo di ché riprenderà il giorno dopo.

Una volta stabilita la tipologia, (ipotizziamo in questo caso di scegliere di pagare in relazione ai click, ovvero le reali visite al nostro sito internet) dobbiamo scegliere l’offerta massima che siamo disposti ad offrire per un click. L’importo viene inserito nel riquadro offerta predefinita.

Budget pubblicita Google

Esempio:
Budget: 20 euro
Offerta: 0,50 euro
Numero max di click raggiungibile: 40
Clic ricevuti oggi: 20
Costo totale: 10 euro.

In questo caso non raggiungiamo il tetto del nostro budget e la campagna rimarrà attiva. Cosa succede all’importo non investito? Non viene né perso né aggiunto al budget del giorno dopo, semplicemente non viene speso.

Questo strumento è molto utile, perché sapremo sempre quanto spenderemo al giorno e avremo il completo controllo sulla nostra spesa.

Piccola raccomandazione sul budget

La scelta del budget giornaliero deve essere fatta con attenzione, poiché quando raggiungiamo il limite il sistema non permette al nostro annuncio di essere visualizzato. Risulta di fondamentale importanza valutare il corretto investimento giornaliero in relazione agli obiettivi aziendali ed assicurarsi che questo sia sempre ottimizzato per raggiungere il miglior rapporto costi/benefici con le nostre campagne pubblicitarie.

Stima di offerta per la prima pagina

Dopo alcune ore dall’inizio della campagna Google ci consiglierà un’offerta per alcune parole chiave per poter far apparire i nostri annunci in prima pagina. Questi consigli sono frutto di stime fatte dall’azienda americana sul livello di concorrenza su quella keywords e sul punteggio di qualità del nostro annuncio. E’ sicuramente un indicatore utile, ma dopo aver acquisito un po’ di esperienza e se si ha il tempo di seguire ogni giorno la campagna vi suggeriamo di essere autonomi rispetto ai consigli Google (anche sepotrebbe sembrare un piccolo dettaglio, la gestione dell’offerta massima in relazione alle keywords consente spesso un importante miglioramento dei risultati).

Costo pubblicita AdWords

Come funziona il sistema di pagamento

Google AdWords gestisce gli spazi pubblicitari che ha a disposizione con dei meccanismi molto simili alle aste.

Le variabili che entrano in gioco e di cui dobbiamo tenere conto nella nostra strategia sono due:

  • Offerta massima effettuata, qui chiaramente chi ha l’offerta più alta si trova in vantaggio e il suo annunci avrà un’alta probabilità di finire in una buona posizione sulle pagina di ricerca Google.
  • Punteggio di qualità, si tratta di un punteggio assegnato da Google, che fa una stima sulla base della qualità dell’annuncio, della qualità della pagina di destinazione e della % di clic prevista. Qui si trova il punto di forza di una campagna pubblicitaria. Siccome Google ha una preferenza per annunci di qualità non è detto che l’annuncio con l’offerta più alta sia il primo, ma nel creare “la classifica” dell’asta viene tenuto conto anche del punteggio di qualità.

Punteggio di qualita

Nello screenshot si vedono i tre fattori che influenzano il punteggio di qualità il quale va da 0 a 10. Ognuna delle variabili riceve un voto che va da Sotto la media a Sopra la media. Qui possiamo vedere che la pertinenza dell’annuncio è segnato in rosso, Sotto la media. In questo caso dovremo lavorare per migliorare questo fattore.
In sintesi il punteggio di qualità è fondamentale perché se saremo in grado di raggiungere un buon ranking durante le aste potremmo aggiudicarci un buon posizionamento ad un prezzo inferiore.

Come migliorare il rendimento delle campagne

Vi sono diversi fattori che possono influenzare i risultati:

  • Definire il target a cui vogliamo rivolgerci, con selezioni mirate;
  • Utilizzare parole chiave specifiche, che attirino traffico di potenziali clienti. Parole troppo generiche porterebbero la visualizzazione degli annunci a persone non interessate, riducendo il nostro punteggio di qualità;
  • Annunci accattivanti che mostrino le nostre caratteristiche e ciò che offriamo. E’ necessario scegliere con cura le frasi da mettere nell’annuncio. Ogni annuncio ha solo un tot di caratteri e dobbiamo riuscire a trasmettere il messaggio in modo sintetico, ma efficace. E’ fondamentale per trovare un annuncio che ci porti dei risultati effettuare diversi test statistici per prendere la miglior decisione confrontando i dati.
  • Pertinenza tra il testo degli annunci e le parole chiave scelte.

Conclusioni

Google AdWords è uno strumento che può offrirci grandi ritorni economici, ma bisogna impostare le campagne con molta attenzione per ottenere vantaggi. La fretta e il pensiero che basti poco per creare una campagna possono portare a perdite economiche. Nel caso in cui decidiate di utilizzare in modo autonomo questo strumento, consigliamo studio e approfondimento del sistema prima di partire con investimenti importanti; se invece avete necessità di effettuare a breve una campagna marketing tramite Google, consigliamo di affidarvi a professionisti del settore.. il costo del lavoro sarà ricompensato da costi minori e risultati migliori per la vostra azienda.

email

Comments (0)

Leave a reply