I 4 pilastri della comunicazione sul web

Come abbiamo visto insieme in queste prime 9 edizioni, il web racchiude in sé un grandissimo potenziale per chiunque desideri far conoscere la propria agenzia di viaggi e raggiungere i propri clienti in modo molto più semplice, veloce ed efficace rispetto a quanto accadeva solo fino a qualche anno fa. Esattamente come ogni altro strumento a nostra disposizione, anche il web deve essere utilizzato nel modo corretto, perché così tante possibilità corrispondono necessariamente anche a numerosi aspetti da tenere sempre in considerazione e regole da rispettare per raggiungere risultati concreti.
articoli-rubrica-andrea-pruiti-adv-training

Vi presento oggi i quattro principali pilastri della comunicazione sul web: sito, email, Facebook e Google. L’obiettivo di questo numero della rubrica non è approfondire nel dettaglio ogni singolo strumento, come sapete se seguite la mia rubrica dedico interi numeri a spiegare in modo approfondito i singoli aspetti. Oggi vorrei fare un po di chiarezza rispetto agli strumenti messi a disposizione dal web e il loro rispettivo utilizzo.

Sito web

Uno dei punti di partenza per ogni agenzia che abbia avviato la propria attività è la realizzazione del proprio sito web: questo strumento è la base per ogni azione che si vorrà compiere su internet.

Il vostro sito deve possedere alcune caratteristiche fondamentali: essere mobile responsive, ovvero correttamente visibile e navigabile attraverso tutti i tipi di dispositivi (come smartphone e tablet) e dinamico, vale a dire presentare contenuti sempre aggiornati, ma soprattutto di reale utilità e valore per l’utente.

Come linea guida generale per il vostro sito web, potreste adottare i due punti seguenti:

  1. Presentare al meglio prodotti e servizi da voi offerti, con semplicità e chiarezza, mettendo subito in evidenza i vostri punti di forza.
  2. Spiegare perché la vostra agenzia di viaggio è differente rispetto alle altre, cosa la contraddistingue dai vostri competitors e perché di conseguenza un cliente dovrebbe sceglierla e preferirla rispetto a un concorrente o, ad esempio, una OTA.

Contenuti di valore ed esperti di riferimento

Per raggiungere l’obiettivo individuato nel secondo punto, è importante creare contenuti di valore, così come pubblicare contenuti e articoli che vi pongano come esperti di una determinata area/settore.

La necessità da parte della vostra agenzia di viaggio è quella di focalizzarsi in una nicchia specifica: per fare un esempio, potete pensare di promuovere solo i viaggi in una precisa località/nazione o rivolti una specifica tipologia di turista (famiglie, coppie, ecc.). Se avete già identificato la vostra nicchia, il vostro focus, dovete mostrarvi come un punto di riferimento valido e autorevole solo e unicamente per quel gruppo (limitato) di persone.

Più il vostro obiettivo è specifico, più siete specializzati e più è piccola la nicchia a cui vi rivolgete più sarà semplice realizzare contenuti di valore e diventare il leader per quella determinata area di riferimento.

Email

Uno degli strumenti ad oggi maggiormente sottovalutato è rappresentato dall’email. Una campagna di comunicazione tramite email (detta anche newsletter) è un’azione che potete realizzare oggi stesso nel caso abbiate a disposizione un database costituito da un elenco di indirizzi di posta elettronica di vostri clienti reali, tutte quelle persone che in passato hanno già acquistato presso di voi un prodotto o servizio.

Uno dei primi lavori di marketing da effettuare, quindi, è proprio la raccolta degli indirizzi email degli attuali clienti, in modo da poterli utilizzare in futuro più o meno prossimo come strumento per avviare una comunicazione diretta ad essi rivolta.

Attraverso le newsletter non devono essere veicolate soltanto comunicazioni commerciali, per quanto va bene proporre offerte in modo tale da invogliare il più possibile all’acquisto. Una parte fondamentale del lavoro va dedicata al creare valore, al realizzare contenuti utili e al porsi come leader di un determinato settore. Ad esempio, dovete far capire chiaramente ai vostri clienti che conoscete le destinazioni dove li mandate in vacanza.

E qui riprendo quanto spiegato nel paragrafo precedente. Qual è la differenza tra voi e gli altri? Perché vi dovrebbero scegliere al posto di un concorrente? Prima ancora di dare una risposta ai vostri clienti, dovete essere sicuri voi stessi di saper rispondere a questa domanda.

Facebook

Il social network più popolare al mondo offre diverse possibilità per far conoscere la propria azienda, con una precisa distinzione: a pagamento e gratuitamente.

Come abbiamo visto in uno dei numeri precedenti, i vantaggi della pubblicità su Facebook sono diversi: mostrare i messaggi al numero di persone desiderato, selezionare il target specifico, pagare esclusivamente per la visibilità reale e spendere meno di tutte le altre forme pubblicitarie tradizionali.

inserzione

Un discorso a parte è quello della visibilità gratuita. Prima di tutto, bisogna considerare che la visibilità gratuita è in continua e costante diminuzione e, inoltre, non si ha il controllo di quale post da noi pubblicato sarà realmente visionato dall’utente. Questo, però, non vuol dire che Facebook non possa essere utilizzato se non avvalendosi dell’advertising a pagamento, semmai che non si riuscirà a raggiungere un bacino di utenza tanto ampio e targettizzato con i soli strumenti gratuiti.

Integrare il proprio sito web con Facebook

Se inizialmente non avete intenzione di investire risorse per le inserzioni, ci sono anche altre vie gratuite da intraprendere (per quanto non si sostituiscono a una campagna di marketing a pagamento in grado di portare, se strutturata nel modo corretto, risultati costanti).

Una delle prime cose da fare è integrare e connettere il proprio sito web con la propria pagina Facebook. A questo proposito, vi ricordo l’articolo in cui ho analizzato i Plugin Sociali che Facebook mette a disposizione gratuitamente (https://developers.facebook.com/docs/plugins), come i pulsanti di condivisione “Mi Piace” e “Condividi”. Per gli articoli del vostro sito, ricordate anche di usare sempre un titolo indicativo del contenuto e un’adeguata immagine di anteprima che rispetti le dimensioni suggerite per una condivisione ottimale.

Google

Anche nel caso del motore di ricerca Google è importante distinguere tra visibilità gratuita, SEO, e quella a pagamento, SEM.

La Search Engine Optimization (SEO), l’attività di ottimizzazione dei contenuti web in modo da generare traffico di qualità verso il sito e favorire l’indicizzazione e il posizionamento dello stesso sui motori di ricerca, è uno strumento molto valido, anche se i risultati sono visibili nel medio e lungo periodo. Un sito web appena nato dovrà fare i conti con tempi piuttosto lunghi di posizionamento, ma una volta che sarete riusciti a posizionarvi su alcune parole chiave di riferimento i risultati saranno buoni e stabili nel tempo.

adwords

Questo posizionamento gratuito è detto organico. Qualora un sito non sia posizionato in modo organico su Google, allora si potrà pensare di utilizzare Google AdWords, uno strumento pubblicitario basato sulla pubblicazione di annunci pay-per-click. In altre parole, si può comprare la visibilità su determinate parole chiave selezionate, pagando solo in base ai click effettuati sul vostro annuncio.

Dovete tenere presente che per tante parole chiave il mercato si sta ormai saturando e quindi i costi di conseguenza si stanno elevando. Si arriva a pagare € 1 / € 1.50 a click, non proprio economico, soprattutto se la campagna non è gestita in modo ottimizzato.

Dal momento che il mondo di Google è davvero vasto ed articolato e non basterebbe un libro intero per spiegare in maniera esaustiva questa tematica, tornerò sull’argomento nei successivi numeri della rubrica.

Considerazioni finali

Il primo consiglio che voglio darvi è quello di non cercare di fare tutto e subito. Per ottenere dei risultati, bisogna in primo luogo individuare le priorità e fare un passo alla volta partendo dalle cose più importanti. Ci tengo a sottolineare l’importanza del secondo aspetto, l’importanza del “fare”: è inutile fare dei progetti perfetti se poi non mettete in pratica nulla di quanto ideato.

Creare prima di tutto il vostro sito internet, assicurandovi che sia funzionante e funzionale, in grado di presentare e valorizzare al meglio i vostri prodotti e servizi. Non concentratevi sulla tecnologia, per quanto sia importante; partite dai contenuti, cominciate a creare vero valore.

Chi scegliere tra Facebook, email e Google? Sono tutti strumenti molto validi , è fondamentale capire quale inziare a usare in modo professionale nel vostro caso spefico caso. Sui clienti che già avete acquisito è vi consiglio di agire sulle email fin da subito.

Facebook consente, se usato nel modo corretto, di raggiungere un elevato numero di persone in target e potenziali clienti, e tramite campagne avanzate di “educazione del cliente” e remarketing potete trasformare i contatti in richieste di preventivo e futuri clienti.

Google ha sicuramente dei tempi più lunghi a livello di posizionamento organico (SEO) e spesso Google Adwords ha un cost per click più elevato rispetto a Facebook advertising.

Nessuno di questi strumenti offre risultati miracolosi, ma vi posso assicurare che possono realmente portare a ritorni positivi in termini di clienti se usati nel modo corretto. Personalmente, pur utilizzando tutti e 3 gli strumenti, l’esperienza mi ha insegnato che utilizzando Facebook con il sistema corretto è possibile ottenere risultati validi con tempistiche ragionevoli.

email