Italia.it, l’errore ritorna

Scrivo questo post di getto, così come viene.

Stavo navigando nel web quando ho deciso di fare una visitina al nostro caro portale Italia.it.

Come prima cosa noto che, freschi di nuovo spot del turismo (interpretato da Silvio Berlusconi), l’home page si oscura a favore del video.. e su questo non mi voglio soffermare.

Poi, per deformazione professionale, decido di fare una rapida verifica sulle 5 versioni in lingua del sito (ricordo infatti che il portale cinese è su un’altro dominio) ed ecco la “bella” sorpresa (ma a dir la verità quasi me lo aspettavo).

Apro in rapida successione tutte le versioni in lingua e mi trovo sempre lo stesso video in primo piano (e poi parliamo di diversificare l’offerta turistica a seconda dei bisogni e degli stili di turismo)..

Ma la cosa che non è concepibile non è il video, neanche tanto il fatto che si stia comunicando l’Italia a cinque nazioni diverse nello stesso modo, ma che il video è in tutte e cinque le versioni sempre e solo in ITALIANO!!!

Io su questo non ho veramente commenti, lascio a voi ogni osservazione…

email

Comments (7)

  1. E ma infatti nel sito in cinese il video non c’è.. mica pretendevo anche quello 😉

    Comunque grazie Danilo, a volte preferirei non doverle fare però!

  2. Io cerco di rimanere fiducioso per il caro Italia.it. Ne ha passate talmente tante questo portale… Spero che un giorno non molto lontano potremo prenderlo come esempio da seguire :)

  3. si vede che hai tempo da perdere a visitare quel sito, in tempi di crisi economica si saltano siti come questi il tempo è prezioso….

  4. In tempi di crisi economica il portale del turismo italiano dovrebbe essere lo “strumento principe” per guidare le scelte di vacanza di milioni di turisti stranieri. Poichè per lavoro mi occupo di web marketing turistico non considero assolutamente una perdita di tempo monitorare costantemente Italia.it. E tornando alla crisi economica ti informo che il turismo ricopre più del 50% del valore totale dell’e-commerce B2c (circa 5,6 miliardi di € in Italia).

    In ogni caso, pur non condividendola, rispetto la tua opinione.
    Ti invito inoltre a proseguire questa interessante discussione al di fuori dell’anonimato.

Pingbacks list

Leave a reply

Scrivi ora il tuo commento