Se Bing e Facebook uniscono le forze…

Quali saranno gli scenari futuri della ricerca online se Facebook e Bing uniscono le forze contro Google?

Facebook ha da poco lanciato una grande novità all’interno del social network: le ricerche di Bing.

Bing, il motore di ricerca della Microsoft, da pochi giorni è diventato parte integrante dei risultati di ricerca del sito più importante del mondo.

Quali saranno i cambiamenti portati da questa novità?

Non è facile comprendere quali cambiamenti porterà l’incorporamento delle ricerche di Bing nel social network, ma possiamo ipotizzare sia i vantaggi per i 500 milioni di iscritti che, ovviamente, per il motore di ricerca concorrente di Big G.

Facebook: la ricerca include Bing

Partiamo dagli utenti

Innanzitutto da oggi, nel momento in cui si accede a Facebook, si potrà realmente avere a disposizione l’intera conoscenza della rete. Ipotizziamo ad esempio di ricercare il termine “Social Network“; come potete vedere ingrandendo lo screenshot, dopo le pagine interne e i post degli amici, vengono immediatamente riportati i risultati di bing.

Certo su argomenti più generici troveremo decine di pagine Facebook in grado di soddisfare la nostra ricerca, ma cosa succede nel momento in cui affiniamo una ricerca per un tema specifico?

Ipotizziamo ad es. di ricercare “prezzo Samsung Galaxy S“; mentre prima compariva un nulla di fatto ora ci vengono mostrati gli articoli considerati più rilevanti da Bing e di conseguenza riusciremo a soddisfare la nostra sete di informazioni :).

facebook-bing

Sempre dal punto di vista dell’utente, e soprattutto per gli utenti meno esperti, questa nuova funzionalità potrà portare gli stessi ad un utilizzo progressivamente minore dei motori di ricerca esterni e a considerare sempre più affidabili i risultati del social network, che diventerebbe un punto di riferimento sempre più importante nella rete.

Ma ora proviamo a parlare degli sviluppi dei motori di ricerca

In questo caso il discorso si fa molto più complesso in quanto vediamo contrapporsi due grandi multinazionali e nello specifico stiamo parlando di Microsoft, che dopo l’accordo dell’anno scorso con Yahoo si è proposta sul mercato con Bing, e Google, da anni re incontrastato delle ricerche on line di tutto il mondo.

Fino ad oggi, soprattutto per quanto riguarda lo scenario italiano, Bing non è riuscito a guadagnare significative quote di mercato in quanto in primis è poco conosciuto dalla massa (provate a chiedere a 100 persone prese a caso quante conoscono Google e quante Bing) e in secondo luogo perchè, in base a ricerche effettuate, le persone difficilmente dopo aver provato Google decidono di passare al motore concorrente.

Ma adesso cosa succederà?

A mio avviso lo scenario futuro potrebbe vedere nel breve periodo l’aumento (se pur piccolo in termini percentuali) della quota di mercato di Bing; con il passare del tempo gli utenti, che in base al trend attuale passano sempre più ore sul social network, utilizzeranno in misura sempre maggiore le ricerche di Facebook (e quindi di Bing), soprattutto da cellulare (le ricerche dimostrano come i motori di ricerca risultino meno utilizzati sui telefonini).

Negli anni Bing sarà in grado di conoscere gli interessi delle persone e questo gli consentirà notevoli vantaggi competitivi rispetto a Google, che ad oggi sicuramente non dispone dei dati di Facebook cui Bing potrà accedere, e questo consentirà alla Microsoft di migliorare i risultati di ricerca e, con il passare degli anni, conquistare nuove quote di mercato diventando leader mondiale nella ricerca online.

Queste ipotesi ovviamente non tengono conto di molti parametri e non vogliono spiegare il futuro del web, ma unicamente far riflettere riguardo a ciò che potrebbe accadere nei prossimi anni.

E voi cosa ne pensate?

Quali saranno gli sviluppi futuri del web?

email

Comments (0)

Leave a reply